top of page

Renoir: l'alba di un nuovo classicismo

Aggiornamento: 13 giu 2023


Rovigo mette a fuoco il momento successivo alla breve esperienza dell’artista impressionista, quando spinto da inquietudine creativa, decide di intraprendere, nel 1881, un viaggio in Italia.


Una mostra originale, spettacolare e di nuova impostazione: “Renoir: l’alba di un nuovo classicismo”, a Palazzo Roverella di Rovigo, fino al 25 giugno. Frutto di un enorme sforzo di ricerca compiuto dal curatore Paolo Bolpagni, la mostra concentra la sua attenzione su quarantasette opere di Renoir, provenienti da musei francesi, austriaci, svizzeri, italiani, tedeschi, danesi, olandesi e del Principato di Monaco (anche un capolavoro di proprietà del principe Alberto di Monaco, la “Baigneuse s’arrangeant les cheveux” del 1890). Accanto alle opere di Renoir, sono esposti i capolavori dei grandi maestri dell’arte del passato cui egli s’ispirò nella fase matura della sua carriera.


Un percorso espositivo che concentra l’attenzione sul viaggio compiuto in Italia nel 1881-1882 (Venezia, Padova, Firenze, Roma, Napoli, Capri e Palermo), importante nell’evoluzione della sua arte: da qui, dalla luce di Venezia e del Mediterraneo, dalla lezione dei grandi maestri del passato (Carpaccio, Raffaello, Tiziano, Rubens, Tiepolo, Ingres) e dalle riflessioni sulla tecnica pittorica, nacquero i germi di una sorta di nuova classicità. Renoir arrivò così ad anticipare non pochi aspetti del “ritorno all’ordine” che sarebbe esploso verso la fine degli anni Dieci del Novecento in reazione alle avanguardie. Insomma, la fase matura e poi conclusiva della sua carriera, su cui s’incentra questa mostra, non fu affatto un periodo di decadenza, anzi rivela quasi, con le opere pacate, sontuose e spesso monumentali che la connotano, un presagio di sviluppi successivi dell’arte. Obiettivo: porre in risalto l’originalità di una produzione che non fu attardata, ma che costituì uno dei primi casi di quella “moderna classicità” che sarebbe stata perseguita da molti pittori e scultori degli anni Dieci, Venti e Trenta, in maniera speciale in Italia.


 

INFO:

RENOIR: L’ALBA DI UN NUOVO CLASSICISMO


a Cura di Paolo Bolpagni

Sino al 25 giugno 2023


Palazzo Roverella, Via Giuseppe Laurenti 8/10 Rovigo


+39 0425460093


 

IMMAGINE:

Pierre-Auguste Renoir, Le Moulin de la Galette (studio), 1875-1876. Ordrupgaard, Charlottenlund © studioesseci.net

Kommentare


bottom of page