top of page

Non svegliare il cervello con il cellulare

Aggiornamento: 13 giu 2023


Controllare chiamate, messaggi e notifiche appena svegli. Niente di più sbagliato. Un modo brusco di SVEGLIARE cervello e corpo perché trasmette un messaggio negativo che oltrepassa la nostra tranquillità. E la scienza mette in guardia: aumentano drasticamente ansia e tecnostress


di Stefania Antonetti


È ufficialmente il dispositivo di riferimento. Permette di connettersi con il mondo, ricevendo notizie in tempo reale, sia sul web che sui social. Oggi, sempre di più, continua a inglobare dentro sé servizi e funzionalità di altri supporti digitali e si interconnette a nuovi dispositivi indossabili. Inutile però negarlo: l’uso smodato del cellulare durante i primi minuti che seguono la sveglia è sempre più ricorrente. Un gesto entrato di diritto nella nostra routine quotidiana. Più di un terzo degli utenti in tutto il mondo afferma infatti di controllare il telefono entro i primi cinque minuti dal risveglio al mattino.



SMARTPHONE: SEMPRE PIÙ A PORTATA DI MANO


Se da una parte è aumentato l’utilizzo, conseguentemente sono aumentate anche le preoccupazioni che riguardano il suo eccessivo uso e la dipendenza nei suoi confronti. Già, perché lo stress e l’ansia generati dalle nuove tecnologie hanno già un nome e, secondo recenti studi, il 62% delle aziende ritiene che stiano avendo un impatto significativo sui dipendenti. Ma c’è dell’altro. Sì, perché il grado di “pericolosità” dello strumento smartphone aumenta di mattina presto con effetti negativi sul nostro cervello.



UN BOOMERANG PER LA SALUTE


A spiegare cosa accade è un noto neurologo che lancia l’allarme e invita a rivedere certe abitudini. Il monito arriva dal professore Piero Barbanti, neurologo e Responsabile del Centro Diagnosi e Terapia delle Cefalee e del Dolore dell’IRCCS San Raffaele di Roma. A colloquio con il quotidiano romano Il Messaggero e attraverso numerosi video diventati virali, il neurologo mette in guardia dall’uso ossessivo e compulsivo dello smartphone soprattutto nel delicato momento del risveglio.



COSA ACCADE AL NOSTRO CERVELLO?


“L’utilizzo immediato del telefono da appena svegli ha conseguenze sul nostro organismo - sottolinea Barbanti. Equivale a seppellire il cervello di informazioni facendolo correre di prima mattina, dietro ispirazioni banali o drammatiche, che fanno passare troppo rapidamente il cervello da una fase creativa notturna a una fase servile diurna generando ansia e tecnostress”.



OCCORRE GRADUALITÀ


“Il nostro organismo -aggiunge- necessita di gradualità al mattino, non tanto nell’esposizione alla luce, anzi è in grado di aiutare a regolare il ritmo sonno-veglia, ma piuttosto per i suoi meccanismi cerebrali. La stimolazione cognitiva ed emotiva data dallo smartphone rappresenta un interruttore che spegne e riaccende il cervello in modo più rapido del previsto, alterandone i bioritmi e aumentando la produzione di cortisolo, l’ormone dello stress. Il rischio – continua- è quello di avvertire durante la giornata tensione emotiva, irritabilità, apprensività e mal di testa, per non parlare delle potenziali conseguenze a medio e lungo termine come complicazioni cardiocircolatorie e metaboliche”.



UN’ABITUDINE ERRATA


Uno studio pubblicato sulla rivista Anxiety, Stress and Coping conferma ulteriormente che l’esposizione alle informazioni lette sul display aumenta drasticamente l’ansia nelle persone. Risulta inoltre che si tende a focalizzare l’attenzione verso le notizie negative che trasmettono solo malessere e tensione. Guardare il telefonino appena svegli non è il modo di cominciare la mattina con il piede giusto. E il consiglio è semplice: “tornare alle sveglie tradizionali e tenere lontani i telefonini dal comodino accanto al letto”.



ANCHE DI NOTTE È DANNOSO


Dati alla mano dimostrano inoltre che l’utilizzo dello smartphone può compromettere la qualità del sonno, anche e soprattutto, la sera.

Anche in questo caso il consiglio del neurologo è lo stesso: “lasciare lo smartphone fuori dalla stanza da letto e non utilizzarlo a partire da un’ora prima dell’addormentamento.



ALLARME TIK-TOK


Le evidenze scientifiche crescono. Così le conferme. I social network possono essere nocivi per lo sviluppo psico-sociale dei minorenni. Ora c’è anche il forte sospetto che TikTok e i video veloci sui social possano danneggiare la capacità di concentrazione e lo sviluppo cognitivo ed educativo dei ragazzi più di quanto avveniva con i video di Youtube.



ANSIA DA SOCIAL: “NON TAGLIATEMI FUORI”


Il vero nemico del buon riposo nel nuovo millennio sembra essere la celebre Fomo. Acronimo inglese che sta per “Fear Of Missing Out”, ossia il timore di essere tagliati fuori. Una forma di ansia sociale caratterizzata dal desiderio di rimanere sempre connessi con le altre persone e dalla paura di essere esclusi. Secondo uno studio viennese del 2021, il 67,8% dei giovani dipendenti da smartphone dichiara di avere problemi di qualità del sonno. “L’idea sbagliata nella mancata rinuncia allo smartphone - spiega il neurologo Piero Barbanti dell’Istituto Scientifico del San Raffaele di Roma - è quella di perdere un’opportunità, o che, se c’è qualcosa di pericoloso, non potrà essere avvertito in tempo. Quando non ci accorgiamo che, in realtà, la vita là fuori scorre lenta, come un valzer, anche senza di noi”.

 

Foto © Depositphotos.com

Commentaires


bottom of page