top of page

Natale in salute: come restare in forma


Pesantezza, gonfiore e chili in più. È arrivato il Natale. Un momento tanto atteso quanto temuto, ricco di insidie per chi è attento alla forma e sensibile ad un’alimentazione equilibrata. Piccoli accorgimenti e un “piano strategico” possono però aiutare a non perdere la linea senza rinunciare a nulla.


di Stefania Antonetti


La magia delle feste, le decorazioni, i dolci della tradizione e poi i regali. Ma anche cene, feste e aperitivi con parenti, amici e colleghi. È Natale! Un periodo magico che può diventare, nostro malgrado, una vera fonte di stress. “Sopravvivere” è comunque possibile grazie a piccole strategie di benessere. Obiettivo: restare in forma, fare il pieno di salute, allenare il pensiero positivo e tenere a bada ansia e stress.



È FACILE ESAGERARE


Una vera e propria corsa agli ostacoli! Difficile arrivare alla meta senza aver preso qualche chilo in più, complice l’atmosfera rilassata, le lunghe cene e i pranzi in famiglia. Indipendentemente da come viene celebrato, questo periodo dell’anno è dedicato più di altri alla tradizione, alla condivisione, al riposo, alla famiglia e alle amicizie. Nonostante ciò, spesso le festività sono usate come una (poco) valida scusa per lasciarsi andare più del dovuto.



SOPRAVVIVERE ALLE ABBUFFATE


Non mancano, infatti, pranzi e cene caratterizzati come non mai da tavole imbandite di prelibatezze. “Se affrontate con il piede sbagliato, tali situazioni possono trasformarsi in vere abbuffate, spesso causa di malesseri psicofisici e di una “pesantezza” non indifferente - spiegano biologi, nutrizionisti e psicologi. E per i puritani dell’attività fisica, le feste natalizie possono comportare spiacevoli effetti sui progressi fatti durante l’anno”.



ATTENZIONE ALLA PIGRIZIA


Inutile negarlo, il Natale per molti significa interrompere il normale regime alimentare concedendosi qualche sgarro in più. “Sulla base delle statistiche, la maggior parte delle persone tende ad aumentare di peso durante le festività natalizie che iniziano dal ponte dell’Immacolata e terminano con il Capodanno - aggiungono gli esperti. Gli eccessi della tavola sono la causa principale dei chili in più, su cui influisce, in seconda battuta, la mancanza di attività fisica”. “Molti si lasciano vincere dalla pigrizia e abbandonano le loro routine di fitness - precisano alcuni istruttori - poiché credono di non avere abbastanza tempo. È bene ricordare però che meno ci si muove e meno ci si muoverebbe”.



VIETATI I SENSI DI COLPA


È oramai noto che il benessere del corpo è strettamente legato a quello della mente. Un sondaggio condotto qualche anno fa dell’American Psychological Association ha indicato come il periodo delle vacanze di Natale potesse essere per molti fonte di stress e ansia. “Per tornare a godere dell’atmosfera natalizia senza farsi prendere dall’ansia e dai sensi di colpa è utile imparare a coltivare il pensiero positivo anche con qualche esercizio mirato” concludono gli psicologi.



1. MUOVERSI


Parola d’ordine: “mantenersi attivi”. È consigliabile approfittare di ogni occasione per muoversi, anche semplicemente camminare e fare le scale, non solo per smaltire le calorie in eccesso ma anche per tenere attivo il metabolismo. “Cerchiamo di mantenere le nostre normali abitudini: se siamo abituati a fare attività fisica, continuiamo a praticarla anche durante i giorni festivi - chiariscono gli esperti. L’importante è non lasciarsi convincere da un pensiero oramai comune: “brucio più calorie per poter mangiare di più”. Sbagliato! Ciò che si costruisce con il tempo non si deve demolire con i pasti natalizi”.



2. BERE TANTA ACQUA


Suggerimento, forse banale ma mai scontato: l’idratazione. D’obbligo tenere sempre a portata di mano una bottiglia di acqua e altrettanto fondamentale è ricordarsi di bere spesso, non solo quando si ha sete. Ciò aiuta a saziarsi e a mantenere l’organismo ben idratato. Acqua naturale, tisane, centrifugati di verdura (specie di colore verde) possono essere utili per ovviare agli eccessi e detossinare il nostro organismo “sommerso” da grassi e zuccheri semplici. Va bene il vin brulé ma in caso di eccessivo consumo di alcolici, bere acqua aiuta. Una tisana al cardo mariano contribuisce a depurare il fegato.



3. NO AL DIGIUNO E DIETE DEL GIORNO DOPO


Assolutamente vietati i digiuni che non aiutano a dimagrire, a sgonfiarsi o a depurarsi ma rallentano soltanto il metabolismo. Pensare a punizioni o sacrifici non aiuta a rimettersi in forma. Bisogna godere invece del momento conviviale, senza pensare che digiunare il giorno dopo sia una mossa efficace. “L’ideale sarebbe ripristinare in maniera naturale le nostre sane abitudini alimentari, senza privazioni o rimorsi - consigliano i nutrizionisti-. Adottare una strategia detox, riducendo l’introito calorico, prediligendo liquidi e verdure, senza saltare i pasti principali, potrebbe essere una soluzione adeguata”.



4. MASTICARE LENTAMENTE E RIPOSARE


Natale è il periodo per eccellenza della contemplazione e della consapevolezza. “Occorre trasferire tali caratteristiche anche alle nostre abitudini alimentari - spiegano nutrizionisti e psicologi-. Mangiare con attenzione significa anche masticare lentamente permettendo così di avviare processi digestivi nel corpo”. Tra i consigli campeggia anche quello di riposare. Dormire poco è di sicuro il modo migliore di mangiare di più e ingrassare. “Per sopravvivere, nei giorni in cui non si festeggia è consigliabile dormire più del solito - aggiungono gli esperti- così da poter recuperare il “debito di sonno”.


 

Photo ©Depositphotos.com

bottom of page