• Moretti Editore

Mal d'Autunno


Le temperature incominciano ad abbassarsi e arriva puntuale la stanchezza fisica e mentale, i disturbi del sonno e la fame. Sono gli effetti del cambio di stagione. Un vero e proprio terremoto per il nostro organismo.



di Stefania Antonetti


Oramai ci siamo: le temperature si stanno abbassando, il tempo è incerto e le ore di luce solare sono in diminuzione. L’autunno è arrivato, portando con sé malinconia e qualche disturbo, anche fastidioso per le persone più sensibili. Sonno, energia che scarseggia, ansia e aumento della fame. Sono i sintomi più comuni della spossatezza autunnale o più semplicemente del “Mal d’Autunno”.



COSA DICE LA SCIENZA?


Il nome scientifico del “Mal d’autunno” è Seasonal Affective Disorder (SAD), che in italiano si traduce in “Disordine affettivo stagionale”. La lingua inglese offre anche un efficace gioco di parole: l’acronimo SAD è infatti la parola anglosassone che significa “triste”, parola, che meglio riassume le caratteristiche della sindrome.



IL CAMBIO DI STAGIONE: LE CAUSE


Molti disagi legati al cambio di stagione sono dovuti all’azione di due ormoni: la melatonina e la serotonina, la cui produzione è fortemente influenzata dall’azione della luce. Non a caso il “Mal d’Autunno” è più diffuso nei paesi lontani dall’equatore. Quando le ore di sole sono numerose, produciamo maggiori quantità di serotonina, l’ormone della serenità, che regola il tono dell’umore e ci regala benessere. La melatonina, invece, ha un’azione importante sui meccanismi sonno/veglia: la sua produzione aumenta con il progredire delle ore di buio. Una maggiore quantità d melatonina, come quella prodotta quando le giornate sono brevi e buie, ci induce a dormire di più, ci fa sentire più pigri e più malinconici.



I SINTOMI DEL CAMBIO DI STAGIONE


I disturbi più comuni che si presentano quando le temperature cominciano ad abbassarsi sono tre: stanchezza, disturbi del sonno e aumento della fame. La stanchezza sia fisica che mentale è il primo campanello d’allarme. L’organismo infatti si sente costantemente affaticato dal cambio di temperatura e questo può significare che le ore di sonno solite potrebbero non bastare più. La mattina si fatica ad alzarsi dal letto mentre durante il giorno la concentrazione è difficile da mantenere.



TENDENZA A MANGIARE DI PIÙ

Per alcuni l’autunno può voler dire umore malinconico soprattutto per chi si sente influenzato dal grigiore del tempo. Il corpo potrebbe reagire alla tristezza e alla stanchezza fisica chiedendo più cibo, in particolare i carboidrati, solitamente associati a dei cibi soddisfacenti per lo stomaco e l’umore.



COMBATTERE I SINTOMI


Per contrastare i sintomi del cambio di stagione è buona norma spiegano gli specialisti: “seguire alcune sane abitudini che aiutano a sentirsi subito meglio. Fare sport, un’alimentazione bilanciata, dormire e aiutarsi con degli integratori”. Per sconfiggere stanchezza e stress è bene praticare attività fisica a bassa intensità e a lunga durata, come camminare e pedalare. E’ importante fare sport in modo costante per almeno 40 minuti 3/4 volte a settimana. L’esercizio fisico aumenta la produzione di energia, contrasta stanchezza e debolezza, migliora il tono dell’umore e stimola il metabolismo. I migliori benefìci si possono avere praticando attività fisica all’aperto nelle prime ore del mattino; la luce naturale del sole aiuta infatti a ridurre la secrezione di melatonina e stimola la produzione di vitamina D.



ALIMENTAZIONE BILANCIATA


Una corretta alimentazione che si traduce nel consumare 5 pasti al giorno (3 principali + 2 spuntini); variare la scelta dei cibi in modo da garantire all’organismo il giusto apporto di macronutrienti (carboidrati, proteine e grassi) e micronutrienti (vitamine e minerali); bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno e consumare almeno 5 porzioni giornaliere di frutta e verdura.



SONNO PIÙ “SALUTARE” E INTEGRATORI


Tra i consigli degli esperti non manca certo quello di dormire almeno otto ore al giorno, cercando di svegliarsi sempre alla stessa ora per migliorare la qualità del sonno. Così come l’invito ad assumere integratori di vitamine e sali minerali che aiutano a sentirsi più attivi durante il cambio di stagione e a prevenirne i malanni.



COME AUMENTARE LE DIFESE IMMUNITARIE BASSE


Parlando di difese immunitarie basse si parla di una vera e propria patologia: la leucopenia, cioè la diminuzione di globuli bianchi nel sangue. Il primo rimedio è senza ombra di dubbio l’adozione di uno stile di vita sano attraverso una dieta appropriata. Corretto consumare frequentemente frutta, verdura, cereali integrali e yogurt a cui associare l’assunzione di probiotici (fermenti lattici) e limitare il consumo di cibi grassi. Per potenziare il sistema immunitario è utile e consigliabile praticare attività fisica e riposare.



STRATEGIE PER NON SOFFRIRE IL CAMBIO DELL’ORA


Arriva l’ora solare. Nella notte fra sabato 30 e domenica 31 ottobre gli italiani sposteranno le lancette indietro di un’ora. E come sempre, ci sarà chi ne risentirà, sia fisicamente che emotivamente. Il cambio dell’ora non è mai un passaggio indolore: ogni anno in autunno tocca affrontare una sorta di mini jet-lag. Perché, oltre al diminuire delle ore di luce dell’inverno, compaiono anche sintomi come stanchezza e spossatezza, insonnia, senso di spaesamento e peggioramento dell’umore. Gli esperti consigliano che per stare subito meglio e affrontare questi malesseri è importante rispettare il proprio bioritmo, creando più spazi di relax per se stessi. Sciogliere le tensioni della giornata dedicandosi alle attività che rilassano. Seguire un’adeguata alimentazione: di sera pasti leggeri e nutrienti da consumarsi in casa. Rispolverare una passione: servirà a dare la carica. Uscire e passeggiare almeno per venti 20 minuti. Stare all’aria aperta apporta infatti numerosi benefici al corpo. Importante sintonizzarsi sul nuovo tempo che permetterà di gestire con più elasticità mentale le prime settimane, in cui la sensazione del cambiamento sarà più forte. Non dovranno mancare rituali di benessere e il rispetto dell’importanza del relax non prendendo troppi impegni.



© Depositphotos.com

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti