• Moretti Editore

Less is more: il drenaggio ti fa bella


Stile di vita sano? Forse non proprio durante questo triste inverno che abbiamo sopportato rifugiandoci a casa con le coccole dei comfort food. Cosa fare allora per correre ai ripari e strizzare l’occhio al nostro benessere? Una delle prime cose a cui pensare è l’eliminazione dei liquidi in eccesso che si sono accumulati nel nostro organismo.


Quando si perde l’attenzione sull’alimentazione o ci si impigrisce sul divano troppo spesso, uno dei rischi in agguato è la ritenzione idrica. Sedentarietà, eccesso di sodio, scarsa idratazione e alimentazione squilibrata, sono infatti i principali complici dell’accumulo di liquidi nel nostro organismo, la ritenzione idrica. I liquidi in eccesso vengono trattenuti nei tessuti con le tossine, causando gonfiore soprattutto in zone predisposte all’accumulo di grassi, punti strategici come le cosce e i glutei, o l’addome, e manifestandosi poi nella temuta cellulite.


Qualche rimedio? Uno stile di vita più sano innanzitutto: attività fisica regolare almeno 2-3 volte la settimana con esercizi aerobici come una semplice camminata (che aiuta a riattivare la circolazione); evitare fumo ed eccesso di alcool; dieta equilibrata, povera di grassi e ricca di verdura e frutta; una buona idratazione, bevendo tanta acqua, soprattutto al mattino a digiuno, magari con qualche goccia di limone che favorisce la rigenerazione cellulare. Durante la giornate, siate poi generosi anche con il tè verde, caldo o freddo, che, oltre ad essere molto idratante, è ricco di antiossidanti.


Anche il ricorso alla fitoterapia aiuta molto. È una pratica che prevede l’utilizzo di piante o estratti di piante per la cura delle malattie e il mantenimento del benessere. Per stimolare il drenaggio con la fitoterapia sono ideali le tisane. Prevedono la preparazione della pianta che avete scelto sfruttando la proprietà solvente dell’acqua. Potete optare per un’infuso, dove fiori o foglie sono immersi in acqua bollente, un decotto, che prevede anche la bollitura direttamente in acqua delle piante che avete scelto, o un macerato, con immersione in acqua fredda.


Tra le varietà più consigliate le foglie di betulla e quelle del frassino con i suoi semi, oppure la radice dell’asparago o del tarassaco, la pianta fiorita e le radici dell’ortica, ma anche pianta e radici del più comune prezzemolo. E se avrete ancora bisogno di un aiuto, potrete affidarvi anche ad alcuni integratori, magari naturali, che concentrano le proprietà di piante o altri elementi naturali nelle loro preparazioni.

Foto © Depositphotos.com

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti