top of page

Il mare: un tuffo nel benessere

Aggiornamento: 10 mag 2023


Una vera e propria panacea. Fonte inesauribile di proprietà benefiche. Una terapia naturale che giova a un gran numero di parti del corpo umano, dal cervello all’epidermide, passando per le vie respiratorie, le ossa e le articolazioni. È il mare l’alleato da sempre di mente, corpo e spirito.


Quanto la natura faccia bene al nostro corpo e alla mente è oramai confermato da tutte le ricerche scientifiche. E se da una parte i parchi, i boschi, i laghi e prati sono diventati i nuovi luoghi di ritrovata serenità, uno tra tutti è rimasto costante nel tempo: il mare. Un manto in movimento che non stanca mai, che riempie e rinfresca le giornate più calde, che regala ricordi impagabili e offre mille motivi per essergli grati. Ma perché il mare è sinonimo di tanto benessere ed equilibrio?



LA STORIA INSEGNA


Già nell’antica Grecia vennero compresi i benefici. Furono i greci a usare l’acqua di mare per curare eczemi, artrite, asma e dolori alla schiena. Lo stesso Ippocrate, il padre della medicina scientifica, intuì 2500 anni fa, che l’acqua del mare aiutava a guarire ferite, preveniva infezioni e alleviava i dolori. Ippocrate nel prescrivere l’uso come cura del corpo, notò nei pazienti, affetti da specifici disturbi, dei miglioramenti dopo immersioni in acqua riscaldata a 38°, seguite da trattamenti a base di fanghi alle alghe e massaggi con piante marine. Non a caso la talassoterapia, termine che deriva dal greco thalassa=mare e thèrapia=trattamento, è quella particolare forma di terapia che sfrutta gli elementi marini, come acqua, aria, alghe, piante e fanghi.



LEGGEREZZA E BENESSERE


“La sola osservazione del mare, ci fa stare bene. Tutto merito di quel colore blu che emette onde elettromagnetiche e che regolano il nostro stato emozionale” conferma la scienza. Secondo il biologo marino Wallace J. Nichols: “il senso di pace e serenità che proviamo quando ci troviamo di fronte al mare è in grado di azzerare lo stress provocato dalla quotidianità. Il contatto e la vicinanza con l’acqua influenzano corpo e mente e aumentano il rilascio di dopamina e serotonina, le sostanze chimiche collegate alla felicità”. “Ecco perché siamo attratti dalle visioni marine – aggiunge il biologo -. Sono quelle infatti a evocare, non solo i ricordi felici, ma anche un atteggiamento positivo, come teorizzato dalla scienza del Blue Mind, il più salutare stato di calma”.



IL SEGRETO DELLA FELICITÀ?


“È vivere vicino al mare!”. Ad accreditare la tesi è ancora una volta la comunità scientifica. Abitare vicino alla costa riduce infatti lo stress, rende più felici, rilassa e stimola le persone a fare dell’esercizio fisico. Una ricerca dell’Università britannica di Exeter ha dimostrato infatti che “le persone che abitano sulla costa e vicino al mare, vivono meglio, sono più in salute e più felici”. Gli studiosi hanno dimostrato che chi vive a meno di un chilometro dal mare è più in forma e più sano rispetto a chi vive a distanze maggiori. I paesaggi marini hanno dunque un effetto antistress, migliorano la respirazione e i livelli di ossigeno nell’organismo e influiscono sul buonumore e la felicità.



MARE, IL FARMACO NATURALE PER ECCELLENZA


Sole, acqua, spiaggia e salsedine, l’effetto curativo è garantito per corpo, pelle e mente:


  • Un toccasana per la pelle. Condizioni allergiche provocate da ipersensibilità della pelle verso sostanze o patologie infiammatore di tipo psicosomatico (psoriasi, eczemi, dermatiti da contatto e acne seborroica), trovano sollievo grazie ai minerali ad azione antinfiammatoria disciolti nell’acqua di mare. Acqua che contribuisce al riequilibrio dell’epidermide rendendo la pelle più lucida.

  • Libera le vie respiratorie. L’aria di mare contiene una quantità di sali minerali (cloruro di sodio e di magnesio, iodio, calcio, potassio, il bromo e il silicio) che agiscono da mucolitici e antinfiammatori migliorando così le funzioni respiratorie. Benefica anche per chi soffre di allergie, sinusiti croniche, asma, raffreddore e altre infezioni respiratorie e per chi ha problemi causati dal fumo o da intossicazioni da agenti chimici.

  • Stimola la produzione di vitamina D. Il sole favorisce la produzione di tale sostanza che fissa il calcio nelle ossa, combatte rachitismo e osteoporosi ed è essenziale per un sistema immunitario efficiente.

  • Migliora il metabolismo e fa dimagrire. Al mare il corpo appare più asciutto e pur mangiando di più, si perde più peso. Ciò accade perché il metabolismo funziona meglio, grazie a una maggiore attività fisica e per la presenza di sostanze che ottimizzano i processi biochimici metabolici.

  • Riduce la ritenzione idrica e riattiva la circolazione. Con la pressione, il movimento e la temperatura fredda dell’acqua la circolazione sanguigna migliora favorendo la riattivazione della microcircolazione. La presenza di sali minerali nell’acqua di mare permette attraverso l’osmosi di eliminare i liquidi in eccesso attraverso pelle e urine.

  • Allevia i dolori alle articolazioni e tensioni muscolari. I minerali disciolti nell’acqua marina sono vitali per rinforzare le ossa e mantenere una corretta trasmissione nervosa a livello dei muscoli scheletrici. Respirare aria di mare e stare a contatto con la salsedine migliora quindi molte condizioni osseo-articolari e muscolari.

  • Stati depressivi. Il mare fa bene all’umore, diminuisce lo stress, trasmette tranquillità e favorisce un buon sonno notturno. Sole e mare sono riconosciuti come potenti antidepressivi naturali.



MAI ABBASSARE LA GUARDIA!


Attenzione! Sole e acqua salata possano avere anche effetti negativi. Il sole può produrre dei danni alla pelle e l’acqua di mare ha un potere disidratante.

“È necessario dunque proteggere e idratare adeguatamente la pelle - consigliano da sempre gli esperti -. Occorre utilizzare una crema con fattore di protezione solare alto ed evitare le ore più calde della giornata. Per non vanificare poi l’effetto dell’acqua salata sulla pelle è preferibile utilizzare una crema idratante che nutra la cute e prevenga spellature e arrossamenti e un doposole per lenire la sensazione di calore eccessivo”.


 

Foto © Depositphotos.com

bottom of page