Depurare il fegato per ammalarsi di meno


Il fegato è l’organo più generoso del nostro organismo. Un lavoratore instancabile e polivalente. Essenziale alla vita. Depurarlo, dopo gli eccessi alimentari delle feste natalizie, vuol dire migliorare l’intero stato di salute, le funzionalità della digestione e il buon funzionamento dell’intestino.


di Stefania Antonetti


È fatta! Con l’Epifania siamo ufficialmente fuori dalle tradizionali abbuffate natalizie. Abbuffate che mettono a dura prova il nostro peso forma con l’eccesso di calorie assunte nell’arco di due settimane. Ma non è solo un problema di girovita. I cibi ricchi di grassi e zuccheri, magari sommati a qualche bicchiere di troppo, lasciano conseguenze che vanno ben al di là dell’aumento di peso. “I cibi particolarmente grassi – spiegano gli specialisti – provocano un aumento di colesterolo e trigliceridi e affaticano il fegato. I troppi condimenti e l’alcol, inoltre, comportano un sovraccarico digestivo che irrita le mucose e nuoce sia allo stomaco che all’intestino”.



DEPURARE E DETOSSIFICARE LE PAROLE CHIAVI


Il che vuol dire curare uno stato di intossicazione attraverso la neutralizzazione e l’eliminazione delle tossine. Il nostro benessere e la nostra salute dipendono da come l’organismo elimina le tossine. Organismo che soffre anche per l’inquinamento ambientale, la vita sregolata, lo stress, i prodotti tossici e per i prodotti alimentari trasformati, che si accumulano nel corpo sotto forma di tossine e parassiti, provocando una serie di disturbi fisici.



DEPURARE INIZIANDO DAL FEGATO


Principale organo dedito a smaltire le tossine, il fegato diventa fondamentale per la nostra salute, perché è uno degli organi che svolge il maggior numero di funzioni. Rappresenta insieme al cervello e al rene il principale responsabile del consumo metabolico a riposo. È indispensabile per la metabolizzazione dei nutrienti, per la sintesi di alcune vitamine, di ormoni, di colesterolo e della bilirubina (una delle sostanze di cui è composta la bile). E’ fondamentale inoltre per neutralizzare le sostanze tossiche ingerite con gli alimenti o prodotte dai batteri del microbiota intestinale.



VIETATO SOVVRACCARICARE


Il fegato lavora instancabilmente per disintossicare il sangue, produrre bile necessaria per digerire i grassi, sintetizzare gli ormoni e immagazzinare vitamine essenziali, minerali e ferro. Una lista davvero lunga, utile a comprendere quanto e come giochi un ruolo fondamentale nella nostra salute e benessere. Depurare il fegato diventa importante per riuscire a perdere peso, rafforzare il sistema immunitario, migliorare la digestione, avere pelle e capelli sani, essere più vitali, migliorare il riposo ed eliminare i calcoli epatici.



SI PARTE DA UN’ALIMENTAZIONE SANA


Gli eccessi alimentari, l’alcool, uno stile di vita non equilibrato possono essere causa di un malfunzionamento del fegato. E’ importante favorire una sana educazione alimentare, riducendo l’eccesso di alcool, del quale spesso si abusa durante alcuni periodi dell’anno, come ad esempio a Natale e Capodanno.



NO ALLE DIETE DRASTICHE


“La scelta giusta non è seguire delle diete drastiche “fai da te” ma sposare uno stile nutrizionale sano - spiegano gli esperti -. E’ bene partire garantendo una corretta idratazione, attraverso un consumo adeguato di acqua, circa 2 litri al giorno. Sono consigliabili inoltre fonti integrali di carboidrati complessi quali pane, pasta, crackers e fette biscottate perché apportano più fibra e micronutrienti (sali minerali e vitamine) rispetto ai prodotti raffinati, aumentano il senso di sazietà, facilitano il transito intestinale e riducono l’indice glicemico del pasto. E’ opportuno fare attenzione ad alcol e dolci per aiutare il fegato a depurarsi. Ultimo consiglio, ma non meno importante, è consumare frutta e verdura di stagione”.



UNA VITA ATTIVA AIUTA A DEPURARE

Insieme ad un’alimentazione equilibrata, una vita attiva è un’ulteriore chiave per la salute e la forma fisica. Fare sport, se praticato con regolarità, aiuta a mantenere il giusto peso, protegge l’apparato cardiovascolare, rinforza il sistema immunitario e tiene lontano lo stress.



GLI ALIMENTI AMICI DEL FEGATO


Un’alimentazione ricca di frutta e verdura può contribuire ad alleggerire il lavoro del fegato. Gli esperti raccomandano in particolare alcuni frutti e ortaggi perché ricchi di sostanze in grado di favorire l’attività del fegato, migliorando i processi di eliminazione delle tossine. Tra gli alimenti consigliati c’è l’aglio, il pompelmo, le barbabietole, le carote, il te’ verde, la rucola, gli spinaci, l’avocado, le mele e l’olio extravergine d’oliva. Olii spremuti a freddo come l’olio extravergine d’oliva, l’olio di semi di canapa e di semi di lino sono considerati benefici per il fegato, se utilizzati con moderazione, in quanto apportano una base lipidica in grado di immagazzinare una parte delle tossine presenti nell’organismo, alleggerendo il carico sul fegato. Ma anche cereali integrali con particolare riferimento al riso integrale, ricchi di vitamine del gruppo B, in grado di migliorare sia il metabolismo dei grassi che il funzionamento del fegato. Nella lista non mancano broccoli e cavolfiori, limoni, noci, cavoli e asparagi. E la curcuma, la spezia che aggiunta al condimento di pietanze a base di verdure o di legumi ne favorisce la depurazione.



TISANE DEPURATIVE


A favorire la depurazione dell’organismo ci sono anche le tisane. Si può spaziare scegliendo tra zenzero e limone, curcuma, karkadè, finocchio (ottima per combattere meteorismo e sgonfiare la pancia) e il decotto di bardana. Ma anche specifici rimedi naturali che servono a sostenere il lavoro del fegato come il tarassaco, il cardo mariano, il carciofo e il succo di aloe vera.


 

Foto © Depositphotos.com