• Luisa Castellini

I 10 elementi


Causano il 90% degli ictus: identificarli è il primo passo per costruire una migliore prevenzione. Ogni anno sono 150mila le persone colpite da un ictus. I sopravvissuti, con esiti più o meno invalidanti, oltre 800mila. La priorità, condivisa dalla World Stroke Organization e da tutte le organizzazioni dedicate a questa malattia, è ridurre l’impatto globale dell’ictus con la prevenzione e la cura, aumentando la conoscenza dei fattori di rischio e migliorando i trattamenti. Da qui l’importanza di conoscere i 10 elementi che causano ben 9 ictus su 10. Ipertensione arteriosa, scarsa attività fisica, cattiva alimentazione, colesterolo, obesità, fumo, consumo eccessivo di alcol, fibrillazione atriale, diabete e scarsa educazione alla salute. Anche leggendoli tutti d’un fiato ci si rende immediatamente conto che molto può essere fatto per migliorare il proprio stato di salute. Da qui l’allargarsi del dibattito, che abbraccia non “solo” la prevenzione primaria ma anche sempre più la secondaria, per aumentare la consapevolezza di quanto si possa e si debba fare nella fase post-acuta e durante l’assistenza a domicilio. Proprio la riabilitazione post-ictus è un aspetto fondamentale ma viene applicata in modo disomogeneo e frammentario. Si tratta invece di un approccio terapeutico fondamentale, a partire dalla fase acuta, che può migliorare gli esiti dell’ictus restituendo al paziente la maggiore autonomia possibile ed evitando le complicanze causate dalla immobilità. Un obiettivo questo - costruire piani nazionali completi dall’educazione alla cura - condiviso da tutte le organizzazioni che celebrano la Giornata. Sono pericolosi fattori di rischio già da soli ma ancor più in combinazione tra loro. Ipertentensione arteriosa, obesità, diabete, fumo ed alcune anomalie cardiache e vascolari aumentano la possibilità di incorrere in un ictus. Terza causa di morte, prima di invalidità e seconda di demenza, ha numeri in costante crescita che impongono una migliore prevenzione primaria ma anche secondaria, ovvero nella fase post-acuta e in quella dell’assistenza a domicilio. Sono questi alcuni dei temi al centro della nuova edizione della Giornata mondiale contro l’ictus cerebrale, che si celebra il 29 ottobre con tanti eventi in tutta Italia. Per scoprire quello più vicino: > alice.org Photo© Depositphotos.com

#ictus #salute #prevenzione

3 visualizzazioni

MORETTI EDITORE - Edizioni Personalizzate s.a.s. - c.f./p.iva 01928520996 - Tutti i diritti riservati

  • w-facebook